Raffaello Sanzio





babele arte


Raffaello Sanzio (1483 - 1520)
"Nacque adunque Raffaello in Urbino, città notissima in Italia, l'anno 1483, in venerdì santo, a ore tre di notte, di un Giovanni de' Santi, pittore non molto eccellente (.). Cresciuto che fu, cominciò ad esercitarlo nella pittura, vedendolo a cotal arte inclinato". Giorgio Vasari racconta la vita di Raffaello Sanzio con sicurezza e dovizia di particolari cui è lecito fare fede. Condotto dal padre alla corte d'Urbino, sotto la protezione di Giovanna Feltria, Raffaello è un pittore precocissimo. Quando Giovanni muore, nel 1494, egli rimane completamente solo, già mancandogli la madre. Nonostante la giovane età, Raffaello ha già potuto ammirare l'arte del grande Pietro Perugino e dell'architetto Bramante. Sotto la commissione di Evangelista di Piandimeleto, scolaro del padre, egli attende alla sua prima commissione importante. Già nel 1497, lavora presso la bottega del Perugino, suo vero maestro, del quale l'influenza è evidente soprattutto nelle primissime opere. Un contratto del 10 dicembre 1500 prevede che il Piandimeleto, con l'aiuto di Raffaello, realizzi una Pala in onore di Nicola da Tolentino, nella chiesa di Sant'Agostino a Città di Castello. L'apporto del tutore è quasi nullo e l'opera dimostra le precoci capacità artistiche di Raffaello. Da questa data in poi, la vita dell'artista è una frenetica corsa da una città all'altra, intento spesso a più opere in contemporanea, di cui si occupa interamente da solo. Nonostante la calma perfetta dei suoi dipinti, Raffaello vive con un ritmo frenetico e nei primi anni del Cinquecento realizza un cospicuo numero di opere: l' "Incoronazione della Vergine" (1503), lo "Sposalizio della Vergine (1504), la "Pala Ansidei", la "Pala Colonna", la "Deposizione per Atalanta Baglioni", il "Cristo in gloria e i Santi", tutte opere realizzate a Perugia; la "Madonna Connestabile", la "Dama con l'unicorno", la "Madonna del cardellino", i "Ritratti Doni", la "Sacra famiglia Casigliani", realizzate tra il 1504 e il 1508 a Firenze. Nella prestigiosa capitale artistica toscana, Raffaello si è recato col desiderio di ottenere committenze e fama.


© infonet srl (PI 01322740331)
Raffaello Sanzio
raffaello, sanzio, pittura italiana, incisioni, mostre d'arte, arte classica, artisti italiani, scultura
Raffaello è uno degli artisti più importanti della storia dell'arte

esecuzione in 0,015 sec.
207 visitatori connessi


Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK